Archivi del mese: Aprile 2011

Cacciate quello studioso, è un cattolico vero

(di Marcello Veneziani su “Il Giornale” del 02/04/2011) Cacciatelo, crede nel disegno divino. An­cora una volta sale questo coro contro Roberto de Mattei, vicepresidente del Cnr, studioso di valore ma cattolico inte­grale. Ogni volta che il professor De Mat­tei critica Darwin, l’evoluzionismo e il rela­tivismo, combatte l’aborto e l’eutanasia, e infine sostiene che le catastrofi sono un castigo divino, i difensori della libertà e della tolleranza insorgono indignati non per criticarlo, come è comprensibile, ma per cacciarlo dal Cnr.

leggi tutto

La discussione in Italia sul terremoto in Giappone

catastrofeIl 16 marzo, nel corso di una trasmissione a Radio Maria, ho svolto una riflessione sul mistero del male a partire da due episodi di attualità: il terremoto del Giappone e l’uccisione del ministro pachistano Shahbaz Bhatti. Ho spiegato, alla luce della teologia e della filosofia cristiana, che in entrambi i casi ci troviamo di fronte al problema del dolore e del male. Ma con una fondamentale differenza.

leggi tutto

Il caso de Mattei: riflettere su Dio e il male ed essere accusato d’indegnità scientifica

(“Il Foglio” del 30/03/2011) Lo storico Roberto de Mattei non immaginava che la riflessione da lui fatta dai microfoni di Radio Maria una settimana fa, nel corso di una rubrica mensile intitolata alle radici cristiane, sarebbe stata usata per chiedere le sue dimissioni dalla vicepresidenza del Consiglio nazionale delle ricerche, per incompatibilità tra le idee espresse in quella occasione e il ruolo scientifico che la sua carica presuppone. leggi tutto

Quei progressisti che attaccano de Mattei solo perché è cattolico

L'occidentaledi Luca Codignola su “L’Occcidentale” del 28 Marzo 2011)

Con la furbesca parzialità di chi sa già dove vuole arrivare, Flavia Amabile su La Stampa (23 marzo) attacca lo storico Roberto de Mattei, vice-presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche, facendogli dire che la recente catastrofe giapponese (terremoto+maremoto+rischio nucleare) non è altro che un terribile e giusto castigo inviato da Dio sull’uomo per punirlo, purificarlo e migliorarlo. Affermazioni, secondo la giornalista, espresse “in modo piuttosto anomalo per il suo ruolo” secondo “un punto di vista non particolarmente basato sulla scienza”. leggi tutto