Archivi del mese: Luglio 2013

Église catholique : le “cas” des Franciscains de l’Immaculée

Franciscains de l’Immaculée(Roberto de Mattei) Le cas des Franciscains de l’Immaculée (http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/ 1350567) se présente comme un épisode d’une extrême gravité, destiné à avoir des conséquences à l’intérieur de l’Église, conséquences peut-être non prévues par ceux qui l’ont déclenché imprudemment. leggi tutto

Roberto de Mattei: Franziskaner der Immakulata vorbildlich in Situation liturgischer, theologischer und moralischer Anarchie

Ordensgemeinschaft-der-Franziskaner-der-Immakulata-300x153(Katholisches.info) Die Maßnahmen gegen die Franziskaner der Immakulata sorgen für Unruhe und lebhafte Diskussionen. Katholisches.info veröffentlicht zum Thema Diskussionsbeiträge. Den Anfang macht der bekannte Historiker Roberto de Mattei. Der Marsch für das Leben, der im Mai mit 40.000 Teilnehmern in Rom stattfand, geht maßgeblich auf seine Initiative zurück. Am Marsch nahmen auch zahlreiche Franziskaner und Franziskanerinnen der Immakulata teil, eines Ordens, zu dessen Apostolat auch besonders die Verteidigung des ungeborenen Lebens zählt. leggi tutto

Il “caso” dei Francescani dell’Immacolata

(Roberto de Mattei, Corrispondenzaromana.it, 30 luglio 2013)

Il “caso” dei Francescani dell’Immacolata si presenta come un episodio di gravità estrema, destinato ad avere all’interno della Chiesa conseguenze forse non previste da chi incautamente lo ha posto in atto. leggi tutto

La legge sull’omofobia: una minaccia alla libertà di espressione

vignetta-di-mafalda-sulla-liberta-di-parola-copia     (di Roberto de Mattei su Corrispondenza Romana) Nei paesi dove è stato imposto, lo pseudo-matrimonio omosessuale è generalmente preceduto da due leggi che lo accompagnano: il riconoscimento dei diritti delle coppie gay e l’introduzione del reato di “omofobia”. Non manca, anche tra i cattolici, chi si illude che, concedendo queste leggi, sia possibile placare le rivendicazioni estreme ed evitare che si giunga al “male maggiore” del cosiddetto “matrimonio gay”. In realtà, quando si è concesso il male minore si è già concesso tutto, anche perché, nel caso della legge sull’omofobia, tra questa e lo pseudo-matrimonio gay non è facile stabilire quale sia il male peggiore. leggi tutto

Può un cattolico riconoscere i “diritti delle coppie gay”?

no nozze gay(di Roberto de Mattei su Corrispondenza Romana) Si fa strada, anche nel mondo cattolico, una pericolosa convinzione: quella secondo cui il riconoscimento giuridico delle convivenze omosessuali sarebbe l’unico rimedio per evitare il “matrimonio gay” che avanza. «No alle nozze gay, sì al riconoscimento dei diritti per le coppie di fatto e omosessuali», è la parola d’ordine di chi vorrebbe organizzare una linea di resistenza fondata sul fallimentare principio del “cedere per non perdere”. leggi tutto

Il sesso dei Giacobini

il sesso dei giacobini(di Roberto de Mattei su Il Foglio del 03-07-2013) Va detto con tutta la chiarezza possibile. Il “matrimonio omosessuale” legittimato il 25 giugno dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, con l’abolizione del Defence of Marriage Act, rappresenta forse una svolta storica, ma certamente è un evento illogico e profondamente innaturale. leggi tutto

Papa Francesco e il dramma della sodomia nella Chiesa

(di Roberto de Mattei su corrsipondenzaromana.it) L’affermazione di Papa Francesco secondo cui esiste una “lobby gay” in Vaticano, non va ridotta ad una battuta estemporanea, ma valutata e pesata nella sua tragica portata. «Nella Curia ci sono persone sante, davvero, ma c’è anche una corrente di corruzione. Si parla di una “lobby gay”, ed è vero, esiste. Noi dobbiamo valutare cosa si può fare». leggi tutto