Le incognite della fine di un pontificato

Le dimissioni di Benedetto XVI saranno ricordate come uno degli eventi più catastrofici del nostro secolo, perché hanno aperto la porta non solo a un disastroso pontificato, ma soprattutto a una situazione di caos crescente nella Chiesa. A oltre sette anni dallo sciagurato 11 febbraio 2013, la vita di Benedetto XVI e il pontificato di papa Francesco volgono inesorabilmente al termine. Non sappiamo quale dei due eventi precederà l’altro, ma in entrambi i casi, il “fumo di Satana” rischia di avvolgere il Corpo Mistico di Cristo come forse mai è accaduto nella storia. leggi tutto

L’isola misteriosa

Edizioni: Solfanelli
Anno edizione: 2020
Pagine: 142
ISBN: 978-88-3305-220-5

L’Isola misteriosa, come la Trilogia Romana dello stesso autore, è composta di tre racconti, concatenati l’uno all’altro, che ci offrono un affresco di vita e cultura siciliana prima e dopo il terremoto di Messina del 28 dicembre 1908. I protagonisti sono figure storiche, come sant’Annibale Maria di Francia, Sir Alexander Nelson Hood, discendente del celebre ammiraglio, e un professore di igiene di Catania di cui l’autore non fa il nome, ma ha caro il ricordo. Parole e dialoghi sono basati su memorie e documenti autentici e le vicende umane sono giudicate alla luce della filosofia e della teologia della storia. La terra di Sicilia dischiude in queste pagine una parte del suo mistero.

ACQUISTA IL LIBRO leggi tutto

“Columbus noster est!”

«Columbus noster est!»: «Cristoforo Colombo è nostro». Queste parole di Leone XIII, nell’enciclica Quarto Abeunte Saeculo, pubblicata il 16 luglio 1892, in occasione del IV Centenario della scoperta dell’America, ci giungono come un’eco lontana, nel momento in cui negli Stati Uniti una furia iconoclasta si abbatte contro la figura del navigatore italiano. leggi tutto

Dare a Dio il posto che gli conviene

In pochi mesi il coronavirus ha contagiato più di cinque milioni di persone, provocando oltre trecentomila morti in 196 Paesi e territori. Questa pandemia inaspettata e incontrollabile, non ha provocato solo morti, ma sconvolgimenti sociali e forme di panico sociale. Più ancora della paura della malattia è dilagata la paura del futuro, con sentimenti di frustrazione e di rabbia verso eventi che hanno sconvolto tutte le abitudini. Così, se per alcuni il tempo del coronavirus è stato un’epoca di preghiera e di raccoglimento, per molti altri è stato un periodo di amarezza e di inquietudine. Ma quella che potremmo definire l’“era del coronavirus” non è terminata e bisogna cercare di viverla con una profonda pace nel cuore. leggi tutto

Fatima e Coronavirus

Le apparizioni e il messaggio di Fatima del 1917 hanno sempre costituito un irrinunciabile punto di riferimento per la nostra rivista. Fatima è una luce che illumina il secolo ventesimo e si proietta sul nostro tempo, aiutandoci a orientarci nella notte e nella tempesta. A Fatima la Madonna dischiuse ai tre pastorelli un orizzonte di tragedia: se l’umanità non si fosse convertita, la Russia avrebbe diffuso i suoi errori e Dio avrebbe castigato il mondo per i suoi crimini, «per mezzo della guerra, della fame e delle persecuzioni alla Chiesa e al Santo Padre». Ma a questa minaccia si accompagnava una grande promessa della Madonna: il trionfo finale del suo Cuore Immacolato. leggi tutto

Gregorio XVI e l’epidemia del suo tempo

Il colera, che flagellò l’Europa nell’Ottocento, partì nel 1817 dalle rive del Gange, in India. Il cammino del morbo fu lento, ma inesorabile. La pandemia si diffuse fino alla Cina e al Giappone, entrò in Russia, e da lì si estese ai paesi scandinavi, all’Inghilterra e all’Irlanda, da dove con le navi degli emigranti raggiunse l’America, colpendo, negli anni Trenta, Canada, Stati Uniti, Messico, Perù, Cile. Nel 1832 raggiunse Parigi, poi la Spagna, e finalmente, nel luglio 1835 varcò i confini dell’Italia del nord, a Nizza, Genova, Torino. leggi tutto

Il giudizio di Dio nella storia

(Rome Life Forum on-line, 20 maggio 2020)

Terra infecta est ab habitatoribus suis,
propter hoc maledictio vastabit terram

Isaia 24, 6.

Nell’epoca del coronavirus, si può parlare di tutto, ma ci sono certi temi che continuano a restare proibiti, soprattutto nel mondo cattolico. Il principale di questi temi forse è quello del giudizio e della retribuzione divina nella storia. L’esistenza di questa censura è una buona ragione per affrontare l’argomento. leggi tutto