Stampa Stampa

Una legione di anime che ci sostiene nella battaglia

(Roberto de Mattei, Corrispondenzaromana.it, 27 novembre 2019)

Man mano che andiamo avanti negli anni, aumenta il numero di coloro che abbiamo conosciuto e che hanno lasciato prima di noi la vita terrena. Quale sarà il loro destino eterno? Solo Dio conosce il destino ultimo delle anime, ma è certo che un grande numero di coloro che muoiono in stato di grazia soffrono le pene del Purgatorio, in attesa di entrare nella definitiva gloria del Paradiso.

Queste anime fanno parte della Chiesa purgante che, assieme a quella militante e a quella trionfante, forma l’unica Chiesa di Cristo. Infatti, dice sant’Agostino, «Tota enim in Christo Ecclesia unum corpus est» (Enarr. In Ps, 148, PL, 51, 423): «tutta la Chiesa forma un solo corpo in Cristo». Il Corpo Mistico di Cristo è il fondamento della Comunione dei Santi che comprende tre chiese: la militante, la sofferente e la trionfante, formate rispettivamente da coloro che combattono sulla terra, da coloro che si purificano nel Purgatorio e da coloro che trionfano nei Cieli. Questa Civitas Dei si oppone alla civitas diabuli, che non ha purgatorio, ma è formata solo dai dannati e da coloro che sulla terra militano nelle schiere di Satana contro quelle di Cristo. La Chiesa dunque, accanto agli Angeli ed ai santi del Paradiso, mette in campo una legione di anime purganti che può esercitare un ruolo decisivo in questa battaglia. Esse nulla possono fare per sé stesse, ma molto possono fare per noi, attraverso la loro preghiera di intercessione.

Sant’Agostino spiega come i defunti non conoscono le cose umane nell’istante in cui si verificano, ma possono conoscere gli eventi presenti, passati e futuri o per rivelazione divina, o per mezzo degli Angeli o per mezzo di anime che li raggiungono, dopo aver lasciato questo mondo. I defunti prendono dunque parte agli eventi terreni non per loro natura, ma in virtù della potenza divina. Dio è il mezzo attraverso il quale noi possiamo giungere ai defunti e i defunti a noi (Mons. Antonio Piolanti, Il mistero della comunione dei santi, Desclée, Roma 1957, pp. 317-318). San Gregorio Magno, a cui si deve il provvidenziale uso delle “Messe gregoriane”, racconta nei suoi Dialoghi visioni ed episodi in cui le anime di defunti chiedono suffragi e fanno capire come per mezzo di essi siano liberati dalle loro pene. San Tommaso, nei 14 articoli della 71° questione del Supplemento alla Somma Teologica, esamina tutta la questione dei suffragi. Dopo averne provato l’esistenza mediante la Sacra Scrittura, i Padri, l’uso della Chiesa e gli argomenti di ragione, spiega che tra coloro che sono passati all’eternità, solo le anime purganti possono essere soccorse dai nostri suffragi. Queste anime infatti, non avendo ancora raggiunto l’ultimo fine, sono in un certo senso, ancora in stato di via e non di termine. I vivi possono aiutarle a scontare le loro pene e pagare così i loro debiti con la giustizia divina. La Santa Messa, le elemosine, le preghiere e le indulgenze sono i mezzi pratici per suffragare queste anime sofferenti. Le anime del purgatorio sono anime confermate in grazia, sicure della loro eterna salvezza, che patiscono, ma accettano con gioia il loro patimento. «L’anima soffre come soffrirono i santi sulla terra, in piena unione alla divina volontà e, possiamo dire, piena di gaudio per ogni colpa che è purificata dal fuoco doloroso e che accresce il suo amore e il suo sospiro a Dio, infinito amore» (Don Dolindo Ruotolo, Chi morrà vedrà…Il Purgatorio e il Paradiso, Casa Mariana, Frigento 2006, p. 42).

Il Purgatorio non è solo uno “stato” ma, come l’inferno, un “luogo” e il fuoco che tormenta le anime è un fuoco non allegorico, ma reale. Chi nega l’esistenza del Purgatorio, affermava già san Tommaso contro gli eretici del suo tempo, «va contro l’autorità della Chiesa e incorre in eresia» (IV Sent., d. 21, q. 1, a. 1, sol. 1). Fin dai tempi più antichi i fedeli ebbero sempre viva la persuasione dell’intercessione delle anime purganti. Nel 1891 presso Santa Sabina, in Roma, fu trovata un’epigrafe che diceva: «Attico, riposa nella pace, sicuro della tua salvezza; e prega con sollecitudine per i nostri peccati»; un’altra iscrizione del Cimitero di San Callisto dice: «Ianuaria, godi nel refrigerio e prega per noi».

La Chiesa, fin dalle origini, prega per la liberazione dei morti dalle pene del Purgatorio. Perciò il Catechismo di San Pio X afferma che i Santi ricevono le nostre preghiere, i defunti i nostri suffragi e tutti ci ricambiano con la loro intercessione presso Dio (n. 123). Ogni volta che noi ci raccomandiamo alle preghiere di qualcuno o gli assicuriamo le nostre, affermiamo una grande verità di fede: quella della Comunione dei santi. I beni soprannaturali nostri si possono comunicare agli altri, come i beni di Dio sono comunicati a noi. Per questo è importante assicurarci anche la protezione e l’aiuto delle anime del Purgatorio. Esse ce ne sono grate e le loro incessanti preghiere ci procurano benefici immensi, tanto per la vita spirituale che per quella corporale. Dobbiamo pregare non solo per coloro che ci sono stati cari e vicini, ma anche per coloro da cui siamo stati incompresi, calunniati o combattuti, perché, se sono morti in grazia di Dio, oggi loro vivono nella carità divina. Se ieri ci hanno avversato oggi ci amano, e noi dobbiamo amarli, perché la legge del Corpo Mistico è la carità. Leone XIII nell’enciclica Mirae Caritatis del 28 maggio 1902 scrive: «La Comunione dei Santi non è altro che la vicendevole comunicazione di aiuto di espiazione, di preghiere e di opere buone, tra i fedeli che godono nella patria celeste, quelli che si trovano nelle fiamme dell’espiazione e quelli che ancora pellegrinano sulla terra: tutti costoro formano un’unica città, il cui capo è Cristo, la cui forma è la carità». La Chiesa è l’unione di più uomini collegati fra loro da una stessa carità. E’ la carità, l’amore cristiano, che crea un rapporto di solidarietà e di interdipendenza tra noi e i nostri fratelli, formando un unico Corpo Mistico, sotto un unico Capo: Gesù Cristo. Il vincolo della carità non si infrange con la morte e oggi unisce i difensori della buona causa, che si oppongono all’esercito del male, penetrato perfino nel Luogo Santo. Accanto ai cori degli Angeli, invochiamo l’aiuto di anime che pur non avendo immediatamente raggiunto il Paradiso, ebbero comunque il dono immenso della perseveranza finale e, pur tra le sofferenze, sono certe della salvezza eterna. Chiediamo la loro intercessione affinché il Signore conceda anche a noi il dono della perseveranza nella lotta e soprattutto nell’ultimo momento della nostra vita.

Sant’Agostino non esclude nemmeno la possibilità che alcuni defunti vengano mandati fra i vivi (De cura pro mortuis gerenda, 15, 18; PL 40, 605-606). La regina Claudia di Francia, moglie di Francesco I, dopo la morte avvenuta a soli ventiquattro anni il 20 luglio 1524, apparve più di una volta alla beata Caterina da Racconigi, annunciandole l’invasione francese dell’Italia, la sconfitta e la cattura del marito, e infine la sua liberazione, grazie alla preghiera della santa (Pier Giacinto Gallizia, Vita della ven. suor Caterina de’Mattei, chiamata la B. Caterina da Racconigi, Mairese, Torino 1717, p. 101). Non è un caso isolato. Dio può permettere che un’anima che trionfa in Cielo o che soffre in purgatorio si renda visibile sulla terra per incoraggiare i figli della Chiesa militante. E’ possibile che questo avvenga anche nel corso delle prove future. Le anime, non ancora purificate, di tanti che difesero la Chiesa nelle dispute teologiche o sui campi delle crociate, sostengono oggi con la loro sofferenza e le loro preghiere coloro che ne continuano la battaglia contro l’antico nemico. Acies ordinata è uno schieramento di anime militanti, sofferenti e trionfanti, unite per affermare l’onore della Chiesa, la gloria di Dio e il bene delle anime. L’arruolamento è aperto. 

Fonte: Corrispondenzaromana.it

Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Italiano. Contrassegna il permalink.