Categoria: Articoli

Home / Articoli
CR1742-Foto-01-768×512

Francesco, Kiril e la guerra russa in Ucraina

Tra i tanti successi attribuiti dai mass media a papa Francesco c’è stato lo “storico incontro”, avvenuto il 12 febbraio 2016 a L’Avana, con il patriarca di Mosca Kirill. Un avvenimento, fu scritto allora, che avrebbe visto cadere il muro religioso  che da mille anni divideva la Chiesa di Roma da quella di Oriente (la Repubblica, 5 febbraio 2016). Il progetto ecumenico di papa Francesco è però naufragato nella tempesta della guerra in Ucraina, benedetta dallo stesso patriarca Kiril che il 9 maggio è stato…

de_mattei

Papa Francesco, Fatima e la guerra in Ucraina

Riportiamo l’intervista che il prof. Roberto de Mattei ha rilasciato ad Alessandro Rico ed apparsa sul quotidiano La Verità il 25 aprile scorso. Dopo aver ricordato che nessuno può cantare vittoria su un cumulo di macerie, papa Francesco ha ribadito che la guerra distrugge sia i vincitori sia i vinti. Sono le posizioni della scuola realista delle relazioni internazionali: la guerra può essere legittima, ma è «una forma di fallimento morale», scrisse ad esempio George Kennan. «Il Papa non è mai stato un pacifista tolstojano.…

1200px-Arch_of_Titus_Menorah_22-768×429

Dominus flevit: la distruzione di Gerusalemme

E’ la domenica delle Palme. Gesù piange sul Monte degli Ulivi, dove oggi sorge la chiesa del Dominus flevit, «il luogo dove il Signore pianse» (Lc 19, 41). Davanti a Lui si apre non solo il panorama di una città in festa di cui Egli conosce il tragico destino, ma anche il quadro altrettanto drammatico dei secoli futuri, fino alla fine del mondo. «Quae utilitas in sanguine meo?» (Ps 30, 10). Il pensiero che Gli costerà sudore di sangue nell’Orto degli Ulivi si affaccia alla sua mente. Il…

01-maxresdefault (1)

Risposta del prof. Roberto de Mattei alla dott.ssa Silvana de Mari

Gentile dott.ssa Silvana De Marinon posso esimermi dal rispondere alle domande che cortesemente mi pone nella sua lettera (qui) dopo il mio intervento sulla guerra russa e il messaggio di Fatima:  (CR, La guerra russa e il messaggio di Fatima). Ho numerato le sue domande, per rendere più chiare le mie risposte. N. 1: “Citando i fatti, parte dal riconoscimento delle repubbliche di Donetsk e Lugansk a Febbraio 2022 da parte della Russia. Non sarebbe opportuno risalire almeno al 2014, quando un colpo di stato eterodiretto e…

san-pietroNC

Il significato e le conseguenze della consacrazione del 25 marzo

Qual è il significato e quali saranno le conseguenze della consacrazione della Russia e dell’Ucraina al Cuore Immacolato di Maria fatta da papa Francesco in San Pietro il 25 marzo 2022? Nell’apparizione del 13 luglio 1917 a Fatima la Madonna aveva annunciato ai tre pastorelli: «Verrò a chiedere la consacrazione della Russia al mio Cuore Immacolato e la comunione riparatrice nei primi sabati». In una successiva rivelazione privata a suor Lucia, avvenuta il 13 giugno 1929 nel monastero di Tuy, la Madonna aveva detto che…

CR1735-Foto-01-768×512

San Pietro 25 marzo 2022. L’importanza metafisica di un evento

La notizia è ufficiale e ha una straordinaria rilevanza. Il 25 marzo 2022, Papa Francesco consacrerà la Russia e l’Ucraina al Cuore Immacolato di Maria. Il Papa, inoltre, come ha confermato il direttore della Sala Stampa della Santa Sede Matteo Bruni, “ha invitato i vescovi di tutto il mondo e i loro presbiteri a unirsi a lui nella preghiera per la pace e nella consacrazione e affidamento della Russia e dell’Ucraina al Cuore Immacolato di Maria”. Il 22 marzo la Santa Sede ha diffuso il testo…

CR1734-Foto-01-768×512

Il messaggio di Fatima chiave di lettura del nostro tempo

Il messaggio di Fatima è la chiave di interpretazione dei drammatici eventi degli ultimi due anni, e in particolare di quanto sta accadendo in Ucraina. Si può comprendere che questa prospettiva sia estranea all’uomo contemporaneo immerso nel relativismo, ma ciò che più colpisce è l’accecamento di tanti cattolici, incapaci di elevarsi a quelle altezze che sono le sole a permetterci di comprendere gli eventi nelle ore drammatiche della storia. E noi, dopo la pandemia di Covid, stiamo vivendo l’ora drammatica della guerra. Il fronte collaborazionista…

Iscriviti alla Newsletter